da oltre quarant'anni al servizio dello stomizzato

Ci risulta che alcune persone, spacciandosi per A.I.Stom. chiedono e raccolgono danaro in nome e per nostro conto. In virtù di ciò si avvisano gli Associati e la Cittadinanza che la nostra Associazione non ha mai autorizzato ne tantomeno delegato ALCUNO/A a raccogliere danaro. Le donazioni o iscrizioni pro A.I.Stom. avvengono SOLO a mezzo c/c postale, bonifico o direttamente in sede a Bari La Segreteria Nazionale 
Questionario GESTO per lo Stomizzato


Il Consiglio Direttivo Aistom ha aderito alle iniziative del Gruppo Gesto nella convinzione e con l’obiettivo di una nuova visone del rapporto tra il paziente stomizzato e lo stomaterapista, con un rapporto di fiducia, di stima e massima professionalità. Per Aistom, come per lo Stomaterapista Gesto, l’umanizzazione delle cure vuol dire mettere il paziente al centro dell’attenzione, vedere la persona stomizzata nella sua globalità, con i suoi sentimenti, la sua cultura e il suo modo di rapportarsi alla malattia, vedendo lo stomizzato non solo come paziente con la sua patologia ma come persona.
Per gli Stomaterapisti del Gruppo Gesto porre domande allo stomizzato ed a chi ne ha cura, ascoltare ed analizzare le risposte, questa è “ l’ umanizzazione delle cure”.
Il Questionario ha lo scopo di ascoltare le esigenze “reali” di come la persona con stomia vive l' approccio all'ambulatorio, cogliendo quali sono i fattori che lo fanno sentire "curato".
I risultati del Questionario indicheranno le aree critiche e gli aspetti che è possibile migliorare, suggerimenti per la Pubblica Amministrazione, ma soprattutto i piccoli progetti adattabili alle differenti realtà.

Vi invitiamo quindi a spendere pochi minuti del vostro tempo nell’ interesse sovrano di tutte le persone stomizzate, compilando il questionario che troverete nel link che segue.
compila il questionario

La Fondazione GIMBE ha presentato il 5 giugno 2018 presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica il 3° Rapporto sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale.
Il Rapporto analizza le criticità che condizionano la sostenibilità della sanità pubblica, rivaluta la “prognosi” del SSN al 2025 e propone un vero e proprio “piano di salvataggio”. Inoltre, riporta i risultati delle azioni di monitoraggio dell’Osservatorio GIMBE: dal progressivo definanziamento 2010-2018 alla retrocessione del nostro servizio sanitario nelle classifiche internazionali, dalle criticità per l’attuazione dei nuovi livelli essenziali di assistenza agli sprechi e inefficienze. Infine, analizza i rischi di privatizzazione del SSN, conseguenti anche all’espansione incontrollata del “secondo pilastro”.


 

  scarica il comunicato stampa